GEI Antincendio
NOI VOI GEI

LA PROTEZIONE ANTINCENDIO NELLE STRUTTURE RICETTIVE

Per tutelare la sicurezza delle persone e dei beni dai rischi di incendio le strutture ricettive devono far fronte agli obiettivi di sicurezza richiesti in materia di prevenzione incendi; tali obiettivi prevedono specifiche misure di protezione, attiva e passiva.

Le attività ricettive con oltre 25 posti letto come alberghi, pensioni, motel, villaggi albergo, residenze turistico - alberghiere, studentati, villaggi turistici, alloggi agrituristici, ostelli per la gioventù, rifugi alpini, bed & breakfast, dormitori, case per ferie, sono soggette ai controlli dei VV.F. così come indicato dal D.P.R. 151/11 al numero 66.

I Decreti di riferimento in tale materia di prevenzione incendi sono due:

  • DM 9 aprile 1994 s.m.i. Per le attività nuove e esistenti che abbiano da 25 a 100 posti letto si prevede un impianto a naspi a 35 lt/min con 1,5 Bar, un'autonomia 60 min e l'alimentazione singola. Per le nuove con oltre 100 posti letto si prevede l'impianto a idranti a 120 lt/min con 2 Bar, con autonomia di 60 min e l'alimentazione singola, mentre per le esistenti con oltre 100 posti letto, ma che abbiano un'altezza superiore a 32 m, si prevede in più la possibilità di installazione dei naspi. Infine per attività nuove e esistenti con oltre 500 posti letto è previsto con tale decreto un impianto a idranti a 120 lt/min con 2 Bar con autonomia 60 minuti, protezione esterna e alimentazione doppia.
  • DM 14 luglio 2015. Per attività ricettive esistenti dal 23/08/2015 con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50. Il decreto introduce la possibilità per le piccole attività di usufruire di varie semplificazioni, come la possibilità di comunicazione tra eventuali attività non pertinenti a quelle ricettive, l'inserimento della colonna a secco per le attività oltre i tre piani fuori terra (entro certi limiti) e la definizione del livello 1 di prestazione in riferimento alla UNI 10779 con autonomia di 30 minuti (al posto dei 60 minuti previsti dal D.M. 09/04/1994). Di contro gli obblighi previsti sono: fino a 3 piani fuori terra, obbligo di estintori carrellati ai piani; oltre il 3° piano fuori terra con naspi 2 Bar a 35 lt/min oppure idranti 2 Bar a 120 lt/min.

Per aver una consulenza personalizzata per la protezione antincendio della tua struttura, contattaci: www.geiantincendio.it/contatti



RESTIAMO IN CONTATTO!

Lasciaci la tua email per ricevere informazioni utili
ed aggiornamenti dal nostro mondo.




Con l'invio dichiaro di aver preso visione dell'Informativa privacy resa ai sensi dell’Art. 13 Regolamento Europeo 679/2016, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali.



Blog GEI